Beppe Grillo, proposta choc: “Togliere il voto agli anziani”

[themoneytizer id=32146-1] “Privare il diritto di voto agli anziani, ovvero eliminare il diritto di voto ad una certa età”, per garantire “che il futuro sia modellato da coloro che hanno un reale interesse nel vedere realizzato il proprio disegno sociale“. È la nuova provocazione lanciata da Beppe Grillo con un lungo post sul suo blog, dal titolo “Se togliessimo il diritto di voto agli anziani?“.

Il fondatore del Movimento 5 stelle si inserisce nel dibattito sulla possibilità di abbassare l’età per poter votare a 16 anni (dagli attuali 18) rilanciata da Enrico Letta sulla scia dei Fridays for Future e appoggiata dai principali leader della maggioranza, così come dallo stesso Grillo. Che però adesso prova ad andare oltre:

“In un mondo sempre più anziano, esperti, studiosi e politici propongono di abbassare l’età del voto (così come proposi anni fa), ma cosa dovrebbero fare le democrazie quando gli interessi degli anziani sembrano essere in contrasto con gli interessi delle giovani generazioni?”

Il post di Grillo cita più volte gli studi del filosofo ed economista belga, Philippe Van Parijs.

L’idea di privare gli anziani del diritto di voto, scrive Grillo, “nasce dal presupposto che una volta raggiunta una certa età, i cittadini saranno meno preoccupati del futuro sociale, politico ed economico, rispetto alle generazioni più giovani, e molto meno propensi a sopportare le conseguenze a lungo termine delle decisioni politiche. In tal caso, i loro voti dovrebbero essere eliminati del tutto“, si legge.

“Gli elettori sono, in larga misura, guidati dal proprio interesse personale, e l’affluenza relativamente bassa degli elettori più giovani può essere in parte causata dal sentirsi alienati da un sistema politico gestito da persone che non considerano della loro stessa natura”, scrive ancora Grillo.









[themoneytizer id=32146-1]

Seguici anche su:

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*